SCEGLI IL CINEMA
filtra per filtra per

Parigi può attendere

  • Uscita:
  • Durata: 92min.
  • Regia: Eleanor Coppola
  • Cast: Diane Lane, Arnaud Viard, Alec Baldwin
  • Prodotto nel: 2016 da ELEANOR COPPOLA, FRED ROOS PER LIFETIME FILMS, AMERICAN ZOETROPE, CORNER PIECE CAPITAL, IN ASSOCIAZIONE CON PROTAGONIST PICTURES LIMITED, TOHOKUSHINSHA FILM CORPORATION
  • Distribuito da: GOOD FILMS (2017)

Film non più disponibile nelle sale

TRAMA

Anne è a un bivio nella sua vita. Da tempo sposata con un produttore cinematografico di successo, ma disattento, la donna si trova inaspettatamente a fare un viaggio in auto da Cannes a Parigi in compagnia di un socio in affari di suo marito. Quella che sarebbe dovuta essere una gita di sette ore si trasforma in una spensierata avventura, lunga due giorni e piena di deviazioni che porteranno Anne in luoghi pittoreschi e ad assaggiare buon cibo e vino. Tra umorismo, perle di saggezza e romanticismo, i sensi di Anne si risveglieranno dandole una nuova voglia di vivere.

Dalla critica

  • Cinematografo

    “Sarà stato magnifico vedere i dipinti di Cézanne nella luce di qui. Quelli esposti al Met di New York sono tristi, come se volessero essere altrove”. Dice Anne a Jacques, lui alla guida, mentre stanno andando verso Parigi, che tarderà ad arrivare, mentre molto altro non lo farà in questo viaggio che durerà due giorni attraversando la Francia, dalla Provenza passando per la Borgogna. Parigi può attendere ( Paris can wait , 2016) è la dimostrazione di come si possa arrivare a ottant’anni e realizzare la propria opera prima, o meglio la prima regia di finzione, dopo “qualche altra” nei documentari, tra tutti Hearts of Darkness: A Filmmaker’s Apocalypse (1991, vincitore di 2 Emmy Awards) su quello che fu l’andata e ritorno negli inferi, interiori e materiali, di Apocalypse Now di Francis Ford Coppola. Eleanor Coppola (classe 1936), all’anagrafe Neil, è sua moglie: si sono incontrati sul set di Terrore alla 13° Ora ( Dementia 13 , 1963), lei assistente dell’Art director, F. Coppola al primo film mainstream. E da allora sono rimasti insieme. Dichiara che hanno avuto i loro problemi, il marito legato all’idea di una famiglia tradizionalista, dove la donna doveva concentrarsi al principale, unico, lavoro: fare la madre, mandare avanti la casa. Hanno resistito: prima di tutto la stabilità del nucleo di quello che è divenuto un clan, dove gli affari, artistico-commerciali, si sono sguinzagliati tra cinema e vino. Certo, è stato complicato, per una donna indipendente, che si è fatta conoscere prima di tutto come artista che gioca coi materiali e li mescola nelle sue istallazioni. Ma ha resistito, e gira un film che attendeva di fare dal 2009, forse da una vita: quel viaggio, di due giorni, l’ha compiuto davvero Eleanor Coppola in Francia… Anne, Brulée (Diane Lane) è moglie paziente e devota alla causa familiare, una boutique da poco chiusa; fa foto, raccoglie dettagli di quello che la circonda. È a Cannes con il marito Michael (Alec Baldwin, in un amabile cameo), produttore di successo, poco attento, eternamente distratto dal cellulare all’orecchio. Proprio per un’otite Anne desiste dal prendere il volo che la porterà con lui a Budapest. Accetterà invece il passaggio di Jacques (Arnaud Viard), collega in affari di Michael, affascinante e pasticcione, dietro l’angolo il dramma personale, un gran cuore e passione da vendere, soprattutto per i piaceri della vita, su tutti cibo e vino. Non è stato difficile realizzare Parigi può attendere: quando non ha potuto l’attore che doveva interpretare Michael, il caso ha voluto che Baldwin chiamasse F. Coppola, e affare fatto, per una presenza che si limita ai minuti iniziali e a telefonate e messaggi in segreteria, geloso del francese; quando son sorti problemi produttivi, in quei 28 giorni di riprese, è entrata la Zoetrope. Come costumista? C’era la pluripremio Oscar Milena Canonero. E la colonna sonora? Ci ha pensato la 4 volte Emmy Awards Laura Karpman. Per una cartolina dalla Francia, che arriva persino dentro al Musée Lumière a Lione; una Madeleine di ricordi alla Ricerca del tempo perduto, che cita i quadri degli Impressionisti, le musiche di Satie, Que reste-t-il de nos amours di Trenet, fino alle musiche dei Phoenix, giocando ancora in casa, il leader del gruppo marito della figlia; un tributo a un momento della propria vita, che si è ritagliato chissà quale peso nel suo cammino personale. Dietro ai panni di Anne si avverte infatti la Coppola, nella sua dedizione ai dettagli, nella sua attenzione alla materia che la circonda; nel momento di verità che avviene all’interno di una chiesa da dove Riccardo Cuor di Leone partì per la Terza Crociata, lei che ha perso il figlio ventenne, Giancarlo Coppola. In uscita il 15 giugno per la Good Films, Parigi può attendere si scioglie a poco a poco come il puritanesimo pratico della Lane (efficace e affascinante); per un road movie sui generis, dove il mistero è solo il quando arrivare a Parigi, e se un bacio scatterà, magnete galeotto la guascona e umana simpatia di Jacques (un Viard a suo agio in inglese). Nell’aria il rischio dello stereotipo che rimane in superficie, si salva grazie al sorriso e al cuore della Coppola, moglie, madre ma soprattutto donna che accompagna lo sguardo sornione della Lane, che ricomincia ad assaporare finalmente i piaceri della vita.

  • La Stampa

    Gli ingredienti sono semplici, ma stavolta quello che conta sta fuori dello schermo. Nei nomi, nei cognomi, nei riferimenti, per nulla casuali, alla realtà di una coppia famosa. Quella formata dal regista Francis Ford Coppola e dalla moglie Eleanor che, per raccontare una vicenda basata su riferimenti autobiografici, ha deciso di esordire dietro la macchina da presa. (...) A Lane (...) tocca la parte del leone. Interprete di ben quattro film di Coppola (...) mette a disposizione dell'autrice il suo fascino elegante da signora arguta. (...) Il finale, con Lane che sorride pensosa guardando in macchina, contiene tutto il senso di un film-confessione che piacerà alle donne.

  • La Repubblica

    Deliziosa commedia diretta dall'ottantenne Eleanor Coppola, moglie di Francis e mamma di Sofia. (...) Diane Lane è stata musa e icona del cinema anni Ottanta, in particolare proprio sotto la direzione di F.F. Coppola in 'I ragazzi della 56ma strada', 'Rusty il selvaggio' e 'Cotton Club'.

  • Il Fatto Quotidiano

    Tenero frammento autobiografico di Eleonor Coppola, alias 'signora Francis Ford', 'Parigi può attendere' è una delicata commedia/'road movie' formato minimal fra alcuni 'topoi' di arte/cultura/enogastronomia francesi che riverberano la personalità della regista, visual designer nella vita, ma finora nascosta fra le ombre dagli ingombranti nomi di consorte e figlia. Sceglie legittimamente di esordire a 80 anni: peccato non abbia osato oltre.

  • Il Giornale

    La Coppola tiene il timone di un film a rischio sbraco. Merito anche della Lane, padrona dello schermo.

VEDI TUTTE LE RECENSIONI

Cosa vuoi fare?

Idee per il tempo libero

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Altri film nei dintorni

Famiglia allargata

  • Uscita:
  • Regia: Emmanuel Gillibert
  • Cast: Arnaud Ducret, Louise Bourgoin, Roby Schinasi

Antoine, uno scapolo donnaiolo, non può aspettare di trovare il nuovo coinquilino dei suoi sogni. Così, invece del...

Parigi a piedi nudi

  • Uscita:
  • Regia: Dominique Abel, Fiona...
  • Cast: Dominique Abel, Fiona Gordon, Emmanuelle Riva,...

Fiona lavora come bibliotecaria in una piccola città canadese. Quando riceve una lettera con una richiesta di aiuto da...