Migranti, a giudizio a Palermo eritreo

Il Gip Alessia Geraci ha rinviato a giudizio Mered Yehdego Medhane, l'eritreo arrestato lo scorso maggio in Sudan dalla Procura di Palermo con l'accusa di essere uno dei trafficanti di esseri umani più pericolosi al mondo. Il processo comincerà il 16 novembre, davanti alla quarta sezione penale del Tribunale di Palermo. Questa mattina la Procura aveva chiesto il processo per il presunto boss degli sbarchi facendo riferimento alla memoria depositata nella scorsa udienza in cui elenca diciassette nuovi elementi di accusa a carico del giovane eritreo estradato a giugno. Il ragazzo ha sempre sostenuto che ci sia stato uno scambio di persona, ma i magistrati sono certi che si tratti del trafficante ricercato da anni. Mered Yehdego, 35 anni, secondo i magistrati ha un grosso "spessore criminale" e per anni sarebbe stato impegnato nella "incessante attività nell'organizzazione di viaggi via mare verso le coste siciliane". Nell'interrogatorio il giovane eritreo ha detto che non è lui l'uomo ricercato.

ANSA

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Ai domiciliari per minacce e calunnia, Basile sospeso dal ruolo di presidente dell'Irfis
    Giornale di Sicilia
  2. Almaviva: 154 trasferiti da Palermo a Rende, scatta mobilitazione
    AGI
  3. Inchiesta Gesap, archiviata la posizione dell'ex direttore Scelta
  4. Basile sospeso dal cda di Irfis La 'superbanca' è senza presidente
    Live Sicilia
  5. Almaviva trasferisce 154 lavoratori in Calabria: 'Alto rischio di licenziamenti volontari'
    Palermo Today

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Palermo

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...